fbpx

La miglior carne per il brodo

Per piatti come tortelli in brodo, risotti, minestre e piatti in umido il brodo svolge un ruolo fondamentale nell’esaltazione dei sapori del piatto. Ma il punto è: qual è la miglior carne da utilizzare?

Il brodo è l’elemento cardine di molti piatti invernali e anche se si è molto diffusa l’usanza di realizzarlo attraverso il “dado”. Ma per prepararlo al meglio e dargli lo stesso sapore genuino di quello che realizzava tua nonna, è necessario scegliere con cura sia gli aromi, che il giusto taglio di carne.

Quali sono i tagli di carne più adatti?

A differenza di altri piatti, per preparare un buon brodo non sono necessari tagli di carne pregiati. Anzi, si preferiscono di gran lunga le carni i secondo taglio, essendo queste più grasse e saporite.

Per di più sono spesso anche i tagli più economici; quelli che solitamente verrebbero scartati, ma che, in questo caso, rientrano esattamente nella logica di economia circolare e dell’antico detto per il quale di un animale “non si spreca mai niente”.

04_Carne migliore per brodo

Per quanto riguarda il bovino, solitamente i tagli più utilizzati sono la spalla, la punta di petto, il biancostato, il geretto posteriore o la reale. Queste parti del bovino sono ottime: trattandosi di tagli più grassi o comunque vicini alle ossa e alle cartilagini, essi rendono il brodo molto più ricco e gustoso. 

Per un gusto ancora più deciso potete utilizzare anche le ossa e le ginocchia.

“Ma la gallina: non faceva buon brodo anche lei?”

Esattamente: mai proverbio fu più azzeccato. Puoi realizzare un ottimo brodo alternativo a quello di manzo, usando la gallina. In seguito alla cottura in brodo, potete utilizzare la sua carne per realizzare i classici ravioli di gallina, molto apprezzati e cucinati durante il periodo di Carnevale.

Una volta terminata la cottura insieme ad aromi e spezie (2-3 ore), filtra il brodo con un passino a maglia fitta oppure lascialo raffreddare per poi togliere il grasso solidificato in superficie.

Una volta freddo, puoi mantenere il brodo in frigo per 3 giorni, mentre, in freezer può durare fino a 3-4 mesi.

Passa al nostro store e fatti consigliare sui tagli più adatti in base alla disponibilità del momento.

Tu quale taglio utilizzi di solito? Hai una ricetta particolare per il tuo brodo? 

Scrivicelo nei commenti.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
offerte filiaggi dicembre 2021